NOTE A COLORI


Corso di pianoforte per bambini a partire dai 2 anni

Note a Colori è un progetto rivoluzionario della didattica musicale che permette ai bambini dai 2 anni di potersi approcciare allo studio del pianoforte. E’ un metodo che sviluppa naturalmente la musicalità e la sensibilità artistica già presente nel bambino, il compito dell’insegnante sarà quello di aiutare il proprio allievo ad esprimere le sue qualità innate e stabilire un rapporto di affinità con la musica.

Il bambino viene posto così al centro della didattica musicale, è parte attiva e creativa del processo didattico.

Attraverso attività basate principalmente sul gioco, l’allievo potrà facilmente apprendere il nome e il suono delle 7 note musicali associando ognuna ad un colore diverso riportato sulla tastiera.

 

Seguendo il Metodo Montessoriano i bambini nella fase tra 1 e 3 anni hanno bisogno di un contatto diretto con l'oggetto, la musica si anima e le note prendono colore per permettere un avvicinamento fin da piccolissimi al mondo dei suoni, che non è solo passivo di ascolto, ma di individuazione, lettura e produzione.

 

Lo studio musicale precoce porta benifici a molteplici livelli sia cerebrali, psicofisici che motori, agisce sull'aumento della coordinazione, all' arricchimento intellettivo e spirituale, conoscenza del proprio corpo e dell'istintività.

Altresì i benefici di imparare una seconda lingua, in questo caso linguaggio musicale:

1. POTENZIA LA CRESCITA CEREBRALE – (Mårtensson et al., 2012)

2. POTENZIA LA MEMORIA – (Morales et al., 2013).

3. FA SENTIRE MEGLIO I SUONI – (Krizman et al., 2012).

4. ROTENZIA LE ABILITÀ ATTENTIVE – (Bialystok & Craik, 2010).

5. DONA UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO – (Athanasopoulos et al., 2010).

6. RADDOPPIA L’ATTIVITÀ CEREBRALE –  (Francis, 1999). 

7. RENDE PIÙ SENSIBILI A LINGUAGGI DIVERSI –  (Werker & Sebastian-Galles, 2011).

8.  MIGLIORA L’ABILITÀ DI MULTI-TASKING –  (Gold et al., 2013).

9. RITARDA L’ESORDIO DELLA DEMENZA –  (Craik et al., 2010).

 

 

Nel corso delle lezioni l’insegnante organizzerà il materiale didattico in base anche agli stimoli forniti dai suoi piccoli allievi.

La metodologia si ispira ai principi fondamentali della didattica musicale teorizzati e sperimentati da musicisti ed esperti pedagogisti come Edwin Gordon, Carl Orff e Zoltan Kodaly.

Note a Colori è un programma che permette l'avvicinamento dinamico e divertente alla grande musica che non si limita a un ciclo di lezioni ma ha uno sviluppo a seconda delle necessità e delle attitudini dei bambini anche professionale.